Sviluppo Energetico

Definiti e realizzati i nuovi centri, bisogna preoccuparsi di generare aree che possano accorpare quei servizi che oggi si presentano in maniera frammentata nel territorio, e di conseguenza dispersivi. Ora verrà applicato il sistema politico ed elettorale già collaudato nelle città, quindi il sistema di elezioni a modello proporzionale. Così facendo riusciamo a ridurre ogni forma di spreco di denaro pubblico e privato. I poteri decisionali che oggi appartengono ai singoli comuni, dovranno essere trasferiti all’esecutivo dell’unione. In questo modo non si fa altro che cambiare la politica gestionale del territorio. Ogni comune verrà dotato di un esecutivo interno, in proporzione al numero di abitanti, per dare corso ad opere di prima necessità e di pronto intervento con dei budget predefiniti, adottando gli stessi principi di una città: nei corpi di polizia urbana, forze dell’ordine, pretura, trasporti urbani, istituti scolastici, servizi socio-sanitari, nettezza urbana, smaltimento rifiuti, depuratori di acque reflue, centrali energetiche e fonti di energia alternativa, pianificazione urbanistica del territorio, ecc.
Rispondi
Avatar utente
funkman733
Site Admin
Messaggi: 5
Iscritto il: 09 feb 2011, 03:11
Località: Otranto
Contatta:

Sviluppo Energetico

Messaggio da funkman733 » 02 apr 2011, 01:17

Una volta che i vari territori si sono strutturati organicamente, di primaria importanza è affrontare la questione energetica. Oggi assistiamo ad un selvaggio sfruttamento di terreno agricolo adibito a centrali fotovoltaiche da parte di eco-mafie, le quali puntano al profitto a discapito del benessere collettivo.
Il settore eco-energetico è stato preso d'assalto dalle eco-mafie in quanto le normative vigenti non prevedono pesanti sanzioni per la scellerata deturpazione del territorio, al contrario di quanto avviene per il traffico di stupefacenti. Occorre quindi porre delle regole ferree affinchè possa terminare il perpetrarsi di tali scempi.

La mia personale visione prevede che le varie istituzioni territoriali:
  • 1- cablino il proprio territorio affinchè diventino proprietarie del cablaggio, svincolandosi dalla proprietà di aziende private terze.
    2- Installino pannelli fotovoltaici sui tetti degli edifici pubblici
    3- facciano installare, con incentivi pubblici, pannelli fotovoltaici sui tetti dei capannoni delle zone artigianali, industriali e commerciali
    4- facciano installare, con incentivi pubblici, pannelli fotovoltaici sui tetti delle abitazioni civili, garantendo agevolazioni sui costi delle bollette
    5- facciano installare, con incentivi pubblici, pannelli fotovoltaici sui tetti delle strutture turistiche, ricettive e di ristorazione.
Una volta organizzato il territorio nel modo su descritto, ogni singola area dovrà essere energeticamente autosufficiente, e direttamente proprietaria dell'energia prodotta. Lì dove vi sarà un esubero di fabbisogno energetico rispetto alla produzione, l'energia verrà acquistata da aziende terze (tipo Enel, ecc.), invece, lì dove ci sarà un eccesso di produzione, l'energia in più verrà immessa nel mercato globale, attraverso la vendita ad aziende terze.

Per quanto riguarda l'eolico, prevedere delle zone in cui concentrare l'installazione delle pale, limitando la logica "macchia di leopardo" ed utilizzando quelle con dimensioni che più siano in armonia con l'abiente, rispettando vincoli paesaggistici e peculiarità del territorio.

Altra fonte inesauribile di energia, la quale fino ad oggi è rimasta non sfruttata, è quella delle correnti marine. Nel Canale d'Otranto sono presenti due correnti marine che fluiscono in maniera opposta; si potrebbero installare delle turbine sul fondo in modo tale da traformare la forza delle correnti in energia.

Per quanto riguarda il nucleare, il governo Berlusconi prevede che nel nostro territorio vengano costruite più di una centrale nucleare. Al di là delle problematiche che si stanno verificando nel disastro giapponese e dei luoghi scelti, la mia opinione è contraria nel puntare su tale tecnologia per la produzione energetica.

Avatar utente
funkman733
Site Admin
Messaggi: 5
Iscritto il: 09 feb 2011, 03:11
Località: Otranto
Contatta:

Re: Sviluppo Energetico

Messaggio da funkman733 » 03 apr 2011, 23:59

Andrei anche a riguardare le scoperte di Tesla, e riprenderei le ricerche per rendere attuali e fruibili tali scoperte!

Avatar utente
funkman733
Site Admin
Messaggi: 5
Iscritto il: 09 feb 2011, 03:11
Località: Otranto
Contatta:

Re: Sviluppo Energetico

Messaggio da funkman733 » 04 apr 2011, 00:48


Rispondi

Torna a “2.2. Centro territoriale dei servizi civico-istituzionali.”